MARTIGNONI SILVANA

Via XX Settembre, 14 – 21052 Busto Arsizio (VA)
Tel. 0331 322997 cell.3383961823
silvanamartignoni@gmail.comMartignoni Silvana
www.silvanamartignoni.it

E’ incisore e pittrice. Pratica l’attività calcografica dal 1980, prediligendo prevalentemente le tecniche della puntasecca e della maniera nera. Ha realizzato numerose matrici. Stampa sovente in proprio. Ha allestito diverse personali e partecipato a numerose collettive.

“Siamo “segnicodipendenti” dalle rapine dello sguardo. I segni del vedere, complici della memoria, diventano i sogni del sentire. E l’universo dell’immaginario è la nostra riserva energetica, il luogo della rigenerazione cui aspiriamo fra il finito delle cose e l’infinito delle nostre proiezioni. Smarrimento e ritrovamento convivono in noi: segni smarriti nei sogni ritrovati, oppure sogni smarriti nei segni ritrovati. Con lo sguardo pronto a ricevere ciò che la mente vorrebbe comunicare, magari visualizzare, fissando il luogo dove l’immaginario diventa immagine, per poi ricominciare (o azzerare) tutto in silenzio, nella solitudine degli spazi inesplorati. Ritornare al punto di partenza, come suggerisce implicitamente Maurice Blanchot: “Prima di cominciare, già si ricomincia; non si è ancora finito che già si ripete…” Un punto mobile sul percorso della nostra infinita circolarità. Spazio e tempo come smarrimento e ritrovamento, dal reale all’immaginario, in funzione delle nostre reversibili vestizioni poetiche, mobilitando lo sguardo fra le impressioni del vedere e le espressioni del sentire. Ed è proprio lo sguardo l’artefice della nostra “segnicodipendenza”, conoscitiva e immaginativa. Conoscere per immaginare è la costante della nostra esperienza, storica e quotidiana. Anche per Silvana Martignoni, la cui “riflessione dello sguardo” viene depurata e filtrata sulla lastra incisoria prima di restituire l’immagine che presiede all’elaborazione processuale della propria “segnicodipendenza”. Proprietà di causa che il mezzo tecnico tramanda, quasi in dissolvenza, o in trasparenza concettuale, nelle risultanze affidate ai fogli stampati. Di qui nascono le immagini dei “segni-sogni”, quali visioni di un mondo referenziato dalla riconoscibilità indugiante dello sguardo e percorso dall’esperienza che condensa, dal reale all’immaginario, lo smarrimento e il ritrovamento di sé (artista e spettatore) nella circolarità poetica del vissuto….”

Miklos N. Varga

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Artisti. Contrassegna il permalink.